Home / Nazionale / RRN – Rete Rurale Nazionale

RRN – Rete Rurale Nazionale

Posted on

Rete Rurale Nazionale (RRN)

Che cosè la RRN?

La Rete Rurale Nazionale è il programma, nato nella precedente programmazione 2007-2013, con cui l’Italia partecipa al più ampio progetto europeo (Rete Rurale Europea – RRE) che supporta e integra tutte le attività e le politiche di sviluppo delle aree rurali in Italia per il periodo 2014-2020.

Il programma è gestito direttamente dal MiPaaf ( Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali), e prevede una serie di attività obbligatorie imposte dalla normativa comunitaria ed altre necessarie per favorire un percorso comune verso lo sviluppo rurale dell’intera nazione.

Tra le attività cosiddette obbligatorie, vi sono:

  1. l’identificazione e l’analisi delle buone pratiche;
  2. l’organizzazione di scambi di esperienze e competenze;
  3. la preparazione di programmi di formazione per i Gruppi di Azione Locale (GAL);
  4. l’assistenza tecnica alla cooperazione interterritoriale e transnazionale.

rete rurale nazionale

Le altre attività previste dal Programma svolgono un importante ruolo di collegamento tra la strategia nazionale, definita con il Piano Strategico Nazionale ed attuata da 21 Programmi regionali di Sviluppo Rurale (PSR) e gli obiettivi comuni stabiliti dagli Orientamenti Strategici Comunitari e dalla Rete Rurale Europea.

Gli obiettivi della RRN

L’obiettivo principale della RRN è quello di fare da collegamento e volano tra le varie politiche di sviluppo delle aree agricole supportando la cooperazione al fine di favorire l’interscambio di conoscenze ed esperienze tra tutti gli operatori rurali, agricoli e agroalimentari.

Per raggiungere questo obiettivo le azioni messe in campo dal programma sono:

  • superare il settoriale isolamento della politica di sviluppo rurale, favorendo un approccio maggiormente partecipativo (“bottom up” o “dal basso”), coinvolgendo tutte le figure che operano nel settore sia a livello nazionale che internazionale;
  • favorire la conoscenza delle politiche di sviluppo rurale attuate in Italia, anche tra i “non addetti ai lavori”, specificando quali impatti positivi hanno queste sull’ambiente, sulla qualità della vita, sulla competitività delle imprese, e la diversificazione delle attività agricole e valorizzazione della cultura e tradizioni rurali;
  • amplificare gli effetti degli interventi dei 21 Programmi di Sviluppo Rurale (PSR) cofinanziati dall’Unione europea .

A chi si rivolge la RRN?

La Rete Rurale Nazionale si rivolge alle amministrazioni e organizzazioni, che direttamente o indirettamente operano nel settore rurale sia a livello internazionale, nazionale, regionale e locale a partire dalle istituzioni, fino alle ONG , ma anche i partner europei della RRE.

A cosa serve la RRN?

Serve essenzialmente per coordinare le politiche agricole delle varie regioni e provincie a statuto speciale, e svilupparle per dare quel carattere europeo, transnazionale che l’Europa ci chiede, tramite la promozione di azioni di cooperazione e scambio di buone prassi, nonché la condivisione delle innovazioni.

Quindi l’analisi di tutti i fattori critici e dei fabbisogni di intervento porta ad identificare tre obiettivi globali che il Programma della Rete intende perseguire:

  1. miglioramento della governance
  2. rafforzamento della capacità progettuale e gestionale
  3. diffusione delle buone prassi e delle conoscenze.

Il sito istituzionale della Rete Rurale Nazionale dà una mano in questo senso a tutte le amministrazioni portando la conoscenza delle eccellenze nel mondo rurale in tutta l’Italia.

Se l’articolo ti è piaciuto Condividilo!

Se vuoi approfondirlo, lascia un tuo commento in merito !

Arrivederci al prossimo articolo.

Elvis

Fonti tratte da RRN

Foto tratta da Google Immagini

Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: