Home / Nazionale / PSRN Italia

PSRN Italia

Posted on

Il PSRN Italia (Programma di Sviluppo Rurale Nazionale) è il programma nazionale che interviene a livello sovra-regionale per risolvere tematiche che interessano aree molto vaste (oltre i confini di una regione) e concertare l’azione di tutte le regioni verso tematiche comuni ad un livello più ampio e grande.

PSRN sviluppo nazionaleLa programmazione 2014-2020 vede la coesistenza di 2 Programmi di sviluppo rurale nazionali, insieme ai 23 Psr regionali e delle province Autonome di Trento e Bolzano:

  • “Rete rurale nazionale” (RRN);
  • “Programma di Sviluppo Rurale Nazionale” (PSRN).

Lo sviluppo rurale in Italia è stato finanziato con un contributo di circa 20,85 miliardi di euro in sette anni.

L’Italia ha deciso di destinare 18,6 miliardi di euro all’attuazione dei programmi regionali, 2,14 miliardi alle misure nazionali e 100 milioni di euro alla Rete Rurale Nazionale.

FABBISOGNI DEL PSRN Italia

I fabbisogni che il PSRN Italia va a soddisfare, nell’elenco seguente, sono relativamente pochi ma di notevole impatto: 

F.01 Dare continuità agli strumenti assicurativi esistenti

F.02 Riequilibrio di tipo territoriale, settoriale e dimensionale nella diffusione delle assicurazioni agricole

F.03 Integrare il sistema di assicurazioni agevolate con strumenti innovativi quali i fondi di mutualizzazione e l’IST

F.04 Migliorare l’accesso alla gestione del rischio e potenziare l’offerta di conoscenza e di innovazione

F.05 Garantire complementarietà tra strategia nazionale e strategie regionali in materia di gestione del rischio

F.06 Semplificazione e razionalizzazione della gestione dei flussi informativi

F.07 Promuovere un modello innovativo integrato di supporto al miglioramento e mantenimento del patrimonio zootecnico

F.08 Ristrutturazione, ammodernamento e realizzazione di nuovi sistemi di adduzione e distribuzione, e di invasi artificiali

I fabbisogni dal F1 al F7 vanno tutti a soddisfare gli obiettivi della Focus Area 3B sulla prevenzione e gestione dei rischi aziendali delle imprese agricole. Non solo tutti quanti concorrono agli obiettivi trasversali dell’innovazione e mitigazione dei cambiamenti climatici e adattamento agli stessi.

Il fabbisogno F8, invece, va a soddisfare gli obiettivi della Focus area P4A sulla biodiversità, e concorre agli obiettivi  trasversali dell’ambiente e mitigazione dei cambiamenti climatici e adattamento agli stessi.

In relazione ai fabbisogni F4 e F5, il PSRN agirà in sinergia strategica con gli interventi attivati nei PSR regionali che interverranno fornendo risposte adeguate ed adattate alla loro specifica situazione di contesto.

Le risorse per il PSRN

Per rispondere ai fabbisogni selezionati nel contesto del programma di sviluppo rurale nazionale,  gli interventi programmati saranno coordinati attraverso specifici Programmi Operativi Nazionali (PON), attraverso i quali sono stati fissati i 3 obiettivi strategici specifici:

  • Gestione del Rischio (1,6 Miliardi per modernizzare il sistema assicurativo attraverso l’istituzione di un piano assicurativo agricolo nazionale pluriennale)
  • Piano Irriguo (300 Milioni – attivato per il nord Italia con fondi FEASR e per il sud Italia con fondi FESR) per contrastare gli eventi “estremi” come eccessi di pioggia, o periodi siccitosi)
  • Biodiversità Animale (200 Milioni per il miglioramento della biodiversità animale)
  • Rete Rurale Nazionale (100 Milioni per il supporto alle politiche di Sviluppo Rurale).

 Obiettivo strategico 1: Promuovere l’offerta e l’uso di strumenti di Gestione del Rischio in agricoltura

PSRN allagamentiQuesto obiettivo strategico contribuisce alla Priorità 3, Focus Area 3B e risponde ai fabbisogni F.01, F.02, F.03, F.04, F.05, F.06. Il fabbisogno F.01, a cui il F.02 è correlato, è di importanza strategica primaria, in quanto il sistema di assicurazioni agricole agevolate in Italia costituisce un’eccellenza nel settore, che deve essere ampliato fino a coinvolgere un numero superiore di aziende agricole. La priorità data al F.03 è minore, non perché strategicamente meno essenziale, ma in quanto, trattandosi di introdurre strumenti di gestione del rischio innovativi in una fase pilota, in merito ai quali l’esperienza è piuttosto limitata, si è scelto di investire risorse contenute all’inizio del periodo di programmazione.

L’importanza della gestione dei rischi ambientali-climatici è di importanza fondamentale in agricoltura in quanto si cerca di stabilizzare innanzitutto i redditi degli agricoltori ma poi anche di regolarizzare i mercati con la stabilità dei prezzi e quindi la competitività del settore.

Per fare questo serve una spinta innovativa nel trovare soluzioni che diano sicurezza e creare una strategia olistica di lungo periodo che faccia parte integrante del processo organizzativo aziendale. La gestione del rischio aggiunge valore creando ritorni economici e competitività.

I fondi di mutualizzazione (imprenditori agricoli associati o anche consorzi e/o cooperative, contribuiscono volontariamente alla creazione di una riserva finanziaria comune e condividono un determinato rischio: in caso di danno il fondo risarcisce) potrebbero essere una strada.

 Obiettivo strategico 2: Migliorare l’uso efficiente della risorsa idrica attraverso l’infrastrutturazione irrigua

PSRN piano irriguoQuesto obiettivo strategico contribuisce alla Priorità 5, Focus Area 5A e risponde al fabbisogno F.08. Riveste fondamentale importanza la ristrutturazione, l’ammodernamento e l’efficientamento degli impianti esistenti rispetto alla costruzione di nuove infrastrutture, dal prelievo alla distribuzione finale, anche in riferimento agli obiettivi della Direttiva Quadro Acque (DQA).

L’obiettivo dell’intervento del PSRN è quello di sostenere le grandi opere di invaso, gli schemi di adduzione principale, con riduzione delle perdite lungo le reti irrigue e conseguentemente riduzione dei volumi prelevati dall’ambiente, e i nodi fondamentali della rete.

Nel breve periodo, è importante mantenere nell’alveo una maggiore quantità di acqua, utile alla permanenza del deflusso minimo vitale e importante per la sopravvivenza delle biocenosi acquatiche e la salvaguardia del corpo idrico e del flusso ecologico. Nel lungo periodo, invece si contribuisce a ridurre il prelievo da risorse sotterranee di acque di migliore qualità e quindi più adatte all’uso civile, e a favorire il naturale tasso di ricarica idrogeologica degli acquiferi.

 Obiettivo strategico 3: Promuovere il miglioramento genetico del patrimonio zootecnico e la biodiversità animale attraverso un sistema innovativo integrato di assistenza zootecnica

PSRN biodiversità animaleQuesto obiettivo strategico contribuisce alle Priorità 4, Focus Area 4A, e risponde al fabbisogno F.07.

Il PSRN si propone di supportare lo sviluppo di un modello innovativo di assistenza e controllo, basato sulla cooperazione ed integrazione delle funzioni e competenze delle diverse figure ed enti coinvolti, nell’ambito di schemi e protocolli d’intervento condivisi, basati su modelli scientificamente avanzati e validati sul campo.

L’implementazione di nuove specie animali o razze è alla base di questo obiettivo, al fine di creare razze che meglio si adattano al clima che sta cambiando e che abbiano una migliore potenzialità economica per l’agricoltore.

Il PSRN andrà quindi a sostenere la creazione di poli e la cooperazione di gruppi multidisciplinari (Associazioni, Enti, Centri di ricerca, etc.). Per ciascuno degli ambiti prioritari individuati, dovranno essere identificati gli strumenti più innovativi in ambito scientifico, zootecnico e sanitario. Con tutto  ciò verranno coinvolte anche le filiere agro-alimentari che comporteranno oltre a innovare i vari processi produttivi e le buone pratiche anche la produzione di nuovi prodotti per il mercato.

Attraverso la condivisione delle informazioni si potrà creare una banca dati, “Open Data”, ovvero accessibile liberamente a tutti, informatizzata e interattiva, contenente dati rilevanti di carattere genetico, zootecnico, produttivo e sanitario, fruibile attraverso un sistema di reportistica targettizzato alle esigenze individuali dell’azienda zootecnica.

Prossimamente l’autorità di Gestione il MIPAAF – MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI Dipartimento delle politiche europee e internazionali e dello sviluppo rurale, Direzione Generale dello Sviluppo Rurale provvederà a pubblicare i vari bandi del PSRN Italia (vai alla pagina del MIPAAF!), direttamente su proprio sito istituzionale.

Se l’articolo ti è piaciuto Condividilo!

Se vuoi approfondirlo, lascia un tuo commento in merito !

Arrivederci al prossimo articolo.

Elvis

 

Fonti tratte da RRN

Foto tratta da Google Immagini

 

 

Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: