Home / PSR Rurale / PSR 2014-2020 Focus Area 4.C – erosione dei suoli

PSR 2014-2020 Focus Area 4.C – erosione dei suoli

Posted on

Gli obiettivi della politica di sviluppo rurale, sono perseguiti tramite le seguenti sei priorità dell’Unione in materia di sviluppo rurale, che a loro volta esplicitano i pertinenti obiettivi tematici del Quadro Strategico Comune (QSC):

P4: preservare, ripristinare e valorizzare gli ecosistemi connessi all’agricoltura e alla silvicoltura, con particolare riguardo ai seguenti aspetti :

C) prevenzione dell’erosione dei suoli e migliore gestione degli stessi.

Nell’ambito del PSR 2014-2020 – Focus Area 4.C si interviene per preservare, ripristinare e valorizzare la qualità dei suoli in zone rurali.

terreno con erosione per ruscellamento

La Focus Area P4.C va a soddisfare alcuni dei Fabbisogni specifici di ogni Regione d’Italia e proprio per questo il tipo di le misure messe in atto, sono differenti le une dalle altre. Gli interventi saranno quindi programmati nell’ambito di alcune delle seguenti misure facenti parte dell’elenco generale:

  • M01 – Trasferimento di conoscenze e azioni di informazione
  • M02 – Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole
  • M04 – Investimenti in immobilizzazioni materiali
  • M07 – Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali
  • M08 – Investimenti nello sviluppo delle aree forestali e nel miglioramento della redditività delle foreste
  • M10 – Pagamenti agro-climatico-ambientali
  • M11 – Agricoltura biologica
  • M12 – Indennità Natura 2000 e indennità connesse alla direttiva quadro sulle acque
  • M13 – Indennità a favore delle zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici
  • M15 – Servizi silvo-climatico-ambientali e salvaguardia della foresta
  • M16 – Cooperazione

Ognuna di queste misure saranno oggetto di articoli nelle prossime settimane

Queste misure vanno a soddisfare una serie di fabbisogni generali differenti da regione a regione (qui sotto ne sono riportati alcuni) quali:

  • Migliorare la qualità delle acque riducendo i carichi inquinanti di origine agricola e zootecnica ;
  • Promuovere la gestione sostenibile dei suoli .

Tutti questi fabbisogni aiutano le Regioni, l’Italia e quindi la UE a perseguire l’Obiettivo Tematico 5 (OT5) : promuovere l’adattamento al cambiamento climatico, la prevenzione e la gestione dei rischi.

Nel PSR, i risultati attesi da questa Focus Area saranno quindi, quelli di:

R.A. 5.1 Riduzione del rischio idrogeologico e di erosione costiera :

5. Interventi volti a prevenire l’erosione dei suoli e migliorare la gestione del suolo

R.A. 5.3 Riduzione del rischio incendi e del rischio sismico:

4. Interventi volti a prevenire l’erosione dei suoli e migliorare la gestione del suolo

smottamento su strada, erosione dei suoli, frana

Per concorrere a raggiungere questi risultati, saranno sostenuti gli interventi finalizzati a sostenere investimenti forestali non produttivi e investimenti selvicolturali, indispensabili per limitare il progressivo abbandono delle aree rurali e marginali, risaltandone il ruolo sociale e valorizzandole in termini di pubblica utilità e di miglioramento ambientale. Gli investimenti avranno una finalità di tipo sia paesaggistico-ambientale sia socio-culturale, al fine di permetterne la fruibilità turistico-ricreativa e didattico-ambientale. Si cerca di valorizzare l’intero patrimonio forestale esistente, rendendo più sostenibile la gestione selvicolturale, migliorandolo strutturalmente e qualitativamente e cercando di ampliare le superfici boschive private.

Verranno sostenuti igli imboschimenti dei terreni agricoli, gli interventi di prevenzione e la ricostituzione del potenziale forestale danneggiato dagli incendi e da altre calamità naturali e le tecniche di agricoltura conservativa per migliorare la qualitò del suolo

L’erosione dei suoli particolamente diffusa a livello nazionale, va contrastata sostenendo pratiche colturali favorevoli, quali la creazione di siepi, fasce inerbite o la corretta gestione di fossi, che concorrono anche all’obiettivo di ridurre il trasporto solido delle acque dei corsi d’acqua, al fine di migliorare la qualità stessa delle acque e di ridurre il progressivo interramento degli invasi. Per massimizzarne l’efficacia, alcuni interventi finalizzati alla tutela del suolo saranno realizzati con un approccio partecipativo e collettivo.

Gli interventi previsti saranno finalizzati a sostenere investimenti forestali non produttivi e investimenti selvicolturali, nonché investimenti a sostegno di pratiche agricole alternative, indispensabili per limitare la progressiva erosione dei suoli nelle aree rurali e marginali.

Verranno sostenuti gli investimenti non produttivi connessi all’adempimento degli obiettivi agroclimatico-ambientali, per mantenere pratiche e metodi di produzione biologica, per azioni congiunte per la mitigazione del cambiamento climatico e l’adattamento ad esso e per approcci comuni ai progetti.

Si promuove per la qualità fisica del suolo, la corretta gestione e utilizzazione dei compost, reflui zootecnici e digestati, fanghi da reflui urbani, anche attraverso la diffusione del compostaggio delle biomasse in ambito aziendale/consortile, sviluppando sistemi affidabili di certificazione e protocolli per il loro riutilizzo agronomico. Verranno favoriti anche tutti qui processi agricoli volti alla copertura dei suoli nei periodi autunnali/invernali (colture arboree, prati-pascoli, cover crop).

Le iniziative di formazione professionale, di informazione e di consulenza saranno integrate in questa focus area per garantire un approccio valido per risolvere il problema della desertificazione ed erosione dei suoli

Se l’articolo ti è piaciuto Condividilo!

Se vuoi approfondirlo, lascia un tuo commento in merito !

Arrivederci al prossimo articolo.

Elvis

 

Foto tratte da Google Immagini

Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: