Home / PSR Rurale / Bandi / Operazione 6.1.01 – Primo Insediamento dei giovani agricoltori

Operazione 6.1.01 – Primo Insediamento dei giovani agricoltori

Posted on

PRIMO INSEDIAMENTO DEI GIOVANI AGRICOLTORI

All’operazione 6.1.01, è stato assegnato un importo di € 63.524.426,00 da suddividere per l’intera programmazione 2014-2020. L’operazione 6.1.01, pubblicata a metà luglio e conclusa il 1° dicembre 2015 è stata finanziata per un importo di € 19.057.328,00 . A tutt’oggi stanno definendo ancora la graduatoria finale.

primo insediamento mano che tocca grano

Però in base al cronoprogramma della programmazione 2014-2020 relativa a questa stessa operazione, ogni anno la regione dovrà pubblicare un nuovo bando con nuovi finanziamenti.

Questo per dire che occorre prepararsi in tempo per poter accedere a questo tipo di finanziamento. Ed è per questo motivo che voglio darvi tutte le notizie necessarie per potervi accedere.

Seguimi

Ma prima metti un Mi Piace sull’articolo o meglio Condividilo con i tuoi amici

L’operazione 6.1.01 incentiva il primo insediamento in agricoltura di imprenditori agricoli giovani e professionalizzati, nonché il successivo sviluppo del loro progetto imprenditoriale.

Possono beneficiare del bando le persone fisiche che si insediano in agricoltura assumendo la responsabilità civile e fiscale di una azienda agricola per la prima volta, e che presentano domanda di premio di primo insediamento con allegato un Piano di Sviluppo relativo all’azienda Agricola (PSA).

Insieme all’operazione 6.1.01 di primo insediamento, può essere presentata, contemporaneamente, la domanda di sovvenzione relativa all’operazione 4.1.02 per l’impresa agricola di nuova costituzione condotta dal giovane agricoltore che si sta insediando.

HO PUBBLICATO UN ARTICOLO ANCHE SU QUESTA OPERAZIONE COLLEGATA! LEGGILO E CONDIVIDILO!

LEGGI ORA

rain_lin

Se ancora non l’hai fatto, scarica ora e leggi l’ebook “Progetta_lo_Sviluppo_Rurale_della_tua_PMI”. Ti aiuterà a creare il progetto per il finanziamento della tua impresa rurale.

rain_lin

Se non l’hai ancora letto, per avere una migliore visione del quadro in cui opera questa operazione, guarda il post relativo alla F.A. 2.B sul potenziamento della redditività e competitività delle aziende agricole!

Se sei interessato a questo bando e se mi hai letto fino a questo punto, sicuramente lo sei e vuoi saperne di più.

Continua a leggere.

È importante valutare bene le caratteristiche di un bando per sapere se può realmente aiutarti nello sviluppo del tuo progetto. Queste caratteristiche sono riassunte in : descrizione dell’operazione, beneficiari, tipo di supporto e condizioni di ammissibilità.

Solamente se riscontri che in queste informazioni  ci sono caratteristiche che possano portare al finanziamento del tuo progetto, allora vale la pena approfondirne la conoscenza leggendo meglio tutto il bando, altrimenti sarebbe solo tempo perso.   E io non voglio farti perdere tempo!

La definizione di aree soggette a vincoli naturali o altri vincoli specifici, cui fanno riferimento le Misure 6 e 4 del P.S.R. 2014-2020 per l’attribuzione di criteri di priorità, si applica alle seguenti zone:

  • territorio regionale montano classificato svantaggiato ai sensi dell’art. 3, paragrafo 3 della Direttiva 75/268/CEE;
  • territorio regionale collinare classificato svantaggiato ai sensi dell’art. 3, paragrafo 4 della Direttiva 75/268/CEE;
  • territorio regionale classificato svantaggiato ai sensi dell’art. 3, paragrafo 5 della Direttiva 75/268/CEE.

Per valutare se un comune è ricompreso in queste zone svantaggiate si deve controllarne la presenza nell’elenco della Regione ER.

Descrizione, requisiti e condizioni tipo di operazione 6.1.01 primo insediamento

descrizioneInsediamento – cosa significa?

L’insediamento è un processo amministrativo attraverso il quale una persona fisica decide di dedicare il proprio tempo al lavoro nell’agricoltura (cioè farà l’imprenditore agricolo!).

L’avvio del processo di primo insediamento è identificato nel momento di apertura della partita IVA, iscrizione alla CCIAA ed iscrizione all’INPS, o in quello di modifica societaria nell’ipotesi di insediamento del giovane in società preesistente, entro i 12 mesi antecedenti la presentazione della domanda.

Il procedimento si conclude a seguito della piena attuazione del PSA . La fase di attuazione del PSA deve essere avviata entro 9 mesi dalla presentazione della domanda.

Beneficiari

beneficiarioLe persone fisiche che si insediano in agricoltura assumendo la responsabilità civile e fiscale di una azienda agricola per la prima volta e presentano domanda di premio di primo insediamento con allegato un Piano di Sviluppo relativo all’azienda agricola (PSA) oggetto d’insediamento (“giovani agricoltori”).

Requisiti:

  • essere maggiorenni, ma non avere ancora compiuto 40 anni;
  • essere in possesso di sufficienti conoscenze e competenze professionali:
    • diploma ad indirizzo agricolo o università ad indirizzo agrario;
    • esperienza annuale di conduzione diretta di az.agr. o da dipendente con mansioni di responsabile aziendale con formaz.professionale IAP di un corso di almeno 100 ore + esame;
    • esperienza di almeno 2 anni nel settore agricolo (1 anno=151 giornate) come dipendente con formaz.professionale IAP di un corso di almeno 100 ore + esame;
    • esperienza di lavoro derivante dalle due precedenti con formaz.professionale IAP di un corso di almeno 50 ore + esame;

Questi requisiti possono essere conseguiti entro il termine di realizzazione del PSA e comunque entro e non oltre i 36 mesi dalla data di concessione del premio.

  • essere impiegato nell’azienda agricola in misura prevalente (dal 1° anno solare successivo alla presentazione della domanda) e comunque i redditi da attività extra non devono essere superiori a € 6.500 in zone con vincoli o € 5.000 nele altre zone;
  • essere regolarmente iscritto all’INPS – gestione agricola, anche con riserva (DURC regolare entro il termine di realizzazione del PSA);
  • impegnarsi a condurre l’azienda oggetto dell’insediamento per almeno sei anni, decorrenti dal momento dell’insediamento medesimo;
  • essere in possesso della cittadinanza di uno degli Stati membri dell’U.E. o status parificato;
  • ulteriori condizioni(*):
    • titolarità dell’impresa con apertura P.IVA come ditta individuale;
    • nelle forme di società semplice (s.s.) e di società in nome collettivo (s.n.c), il/i soci giovani agricoltori dovranno essere anche amministratori della società; nella società in accomandita semplice (s.a.s.) il/i soci giovani agricoltori dovranno ricoprire il ruolo di socio accomandatario ed esercitare l’ufficio di amministratore;
    • se si insediano in una società di capitali o cooperativa, il premio viene corrisposto solo se il giovane stesso acquisisce la qualifica di socio e riveste un ruolo di responsabilità nella conduzione dell’azienda medesima;
    • impegnarsi a corrispondere alla definizione di “Agricoltore in attività” entro 18 mesi dalla data di insediamento;
    • mantenere le condizioni di impegno cui ai precedenti punti per almeno sei anni dalla data dell’insediamento;
    • rendere disponibili tutti i dati richiesti dalle attività di monitoraggio e valutazione.

Condizioni da possedere al momento della domanda: essere maggiorenne, avere conoscenze e competenze professionali,  impegnarsi a condurre x 6 anni, cittadinanza italiana, e tutte le ulteriori condizioni(*).

Condizioni di ammissibilità dell’azienda

4 CondizioniL’impresa agricola al momento della domanda deve soddisfare le seguenti condizioni:

  1. iscrizione alla CCIAA come attività primaria o in forma esclusiva;
  2. iscrizione all’Anagrafe regionale della Aziende Agricole con posizione validata;
  3. rientrare nelle definizioni di “microimpresa” (personale dipendente < 10pp e fatturato < € 2 mln) o “piccola impresa” (personale dipendente < 50pp e fatturato < € 10 mln) ;
  4. se società la durata del contratto dovrà essere pari a quello di conduzione dell’azienda;
  5. se impresa del settore lattiero-caseario –> in regola con pagamenti x adesione e rateizzazione o imputazione di prelievo;
  6. risultare di dimensione economica superiore a € 12.000 se in zona con vincoli e € 15.000 nelle altre zone, e non superiore a € 250.000

Condizioni di ammissibilità del PSA

Il Piano di Sviluppo Aziendale dovrà essere presentato allegato alla domanda di aiuto e conforme allo schema di AGREA. Dovrà essere avviato in data successiva a quella di presentazione della domanda di aiuto ma entro 9 mesi dalla data di concessione del premio.

Dovrà sviluppare tutti quegli elementi che tendono allo sviluppo dell’azienda e del mercato di riferimento oltre a dimostrare l’integrale utilizzo dei fondi per realizzare un effettivo incremento di dimensione economica dell’azienda.

Si deve sviluppare per un periodo di durata pari a 12, 24 o max 36 mesi.

Tipo di supporto – aiuto

supportoIl premio di primo insediamento sarà di € 50.000 per zone con vincoli e € 30.000 nelle altre zone.

Considerazioni

considerazioniLa Regione ER con l’operazione 6.1.01 – premio di primo insediamento – vuole dare un corposo contributo al ricambio generazionale ed all’incremento dei giovani in agricoltura. Gli importi stanziati per questa operazione e quella collegata 4.1.02 sono notevoli e probabilmente anche per il 2016 si vedranno cifre dell’ordine delle decine di milioni di euro stanziati. Nelle successive annualità questi importi potranno scemare gradualmente.

È per questo motivo che occorre iniziare a organizzarsi e cercare di accedere al finanziamento quest’anno. Dai prossimi la concorrenza sarà maggiore e si rischierà di restare fuori per scarsità di fondi.

Ti serve un aiuto nel gestire la domanda di finanziamento?

Non sai come gestire il progetto e la rendicontazione finale?

contattami adesso

 

Seguimi ed insieme creeremo un’azienda nuova più efficiente! La tua!

Se l’articolo ti è piaciuto Condividilo!

Se vuoi approfondirlo, lascia un tuo commento in merito !

Arrivederci al prossimo articolo.

Elvis

Foto tratta da Google Immagini

Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: