Home / PSR Rurale / Formazione / BUSINESS PLAN

BUSINESS PLAN

Posted on

BUSINESS PLAN

Che cos’è il Business Plan?

Definizione di Wikipedia – “Il Business Plan è un documento che sintetizza i contenuti e le caratteristiche di un progetto imprenditoriale (business idea). Viene utilizzato sia per la pianificazione e gestione aziendale che per la comunicazione esterna, in particolare verso potenziali finanziatori o investitori”.

È quindi un documento fondamentale per lo sviluppo dell’azienda, sia che si parli di StartUp per avviare l’impresa, sia di aziende già avviate che vogliono realizzare nuove strategie di mercato o implementare nel mercato nuovi prodotti.

Senza un Business Plan si è in balia degli eventi.

tempesta nei mari, business plan

A cosa serve?

Beh serve a noi per capire di cosa abbiamo bisogno per realizzare la nostra idea, se tale idea è sostenibile e se è finanziabile dalle banche.

In pratica è un documento che illustra in modo quantitativo e qualitativo le possibili strategie future dell’azienda e le azioni da intraprendere per perseguire tali strategie cioè tradotto in parole povere ci serve per capire innanzitutto quanti soldi e quanto tempo e quante persone (ricerca soci) ci servono per portare la nostra idea da un concetto astratto a una realtà vera e propria.

I numeri ci potranno dare subito un riscontro e farci “vedere” se l’idea che abbiamo avuto e che vogliamo realizzare è remunerativa o no al punto tale che potrebbe portare ad un vero e proprio buco nell’acqua.

Una bella idea ma non finanziabile!

È un documento che copre un periodo di 3-5 anni e deve essere aggiornato regolarmente in base agli sviluppi del mercato nel quale l’azienda opera e in base anche ai possibili cambiamenti delle strategie di sviluppo dell’azienda stessa.

Nel mondo rurale il business plan viene richiesto soprattutto quando l’azienda già esistente, vuole realizzare qualcosa di più impegnativo.

Innanzitutto viene richiesto il PSA (Piano di Sviluppo Aziendale) e in base a questo si sviluppa il BP.

Il  PSA, infatti, potrebbe prevedere uno sviluppo dell’azienda su più fronti, contemplando attività diverse che l’azienda vorrebbe implementare per aumentare il proprio fatturato. Così si potrebbe passare da una semplice conduzione di azienda agricola ad una azienda che racchiude, per esempio, un’attività di agriturismo e una di cogenerazione.

Ecco che per ogni nuova attività dovrebbe essere sviluppato il proprio business plan per valutare attentamente il break-event (punto di pareggio) ed i margini di remunerazione .

Perché farlo?

Ti serve per indicarti la strada precisa da percorrere. Sopratutto nel lungo termine ti indica se stai deviando dal progetto iniziale attraverso un monitoraggio continuo. Ti chiarisce le decisioni da prendere.

Le banche valutano un possibile finanziamento di un’idea imprenditoriale solamente dopo aver ricevuto un BP che ne spiega ogni possibile risultato. dalla costituzione dell’azienda alla realizzazione/ristrutturazione degli aventuali immobili, dalla realizzazione del prodotto al marketing per il lancio sul mercato.

Ecco che se il BP non prevede tutte le variabili che possono interagire con il nostro prodotto e/o attività, la banca potrebbe riservarsi il diritto di richiedere un aggiornamento integrativo.

Come farlo?

Si parte innanzitutto dal bisogno che abbiamo. Rispondere alla domanda “A cosa ci serve”  definisce le caratteristiche che deve avere.

Infatti può più o meno dettagliato a seconda del risultato che vogliamo avere.

Questa è la struttura:

  1. Sintesi preliminare o Mission : è la sintesi del tuo progetto e definisce in modo sintetico la tua idea da proporre ad eventuali investitori. deve essere scorrevole, interessante e generare curiosità con dati reali.
  2. L’impresa :illustra le caratteristiche fondamentali dell’impresa, specificando la tipologia (agricola, industriale, ecc.),  con vendita al dettaglio o all’ingrosso di prodotti e/o servizi.
  3. Prodotti e servizi : è la parte che indica le caratteristiche fisiche del prodotto/servizio. Spiega nel dettaglio le possibilità di impiego e come si distingue dalla concorrenza e come può evolversi nel futuro.
  4. Piano marketing : definisce il mercato di riferimento, le indagini di mercato e le opportunità di inserirsi, la concorrenza, le strategie necessarie, le previsioni di vendita, ecc.
  5. Piano operativo : chiarisce come si vuole sviluppare il prodotto,e come avviene la produzione, l’assistenza tecnica ed i fattori di influenza.
  6. Management e Organizzazione : definisce tutte le funzioni di ogni collaboratore e le rispettive responsabilità, individuando i giusti ruoli per ogni persona.
  7. Obiettivi principali : serve per stabilire i i giusti traguardi e le tappe per raggiungerli nel più breve tempo possibile.
  8. Struttura e capitalizzazione : indica la forma giuridica societaria, le modalità di finanziamento e quindi il fabbisogno di capitale e come reperirlo.
  9. Piano finanziario : vengono fornite le analisi di fattibilità del progetto, analizzando costi fissi, costi variabili, break even point, analisi degli indici di bilancio.

Conclusioni

Come puoi ben capire la redazione di un business plan non è così semplice, anche se estremamente importante per la riuscita dell’azienda.

Puoi farlo da solo se ti armi di pazienza, se hai capacità di ricercare tutti i dati di cui hai bisogno e di analisi dei dati.

Ma se non ti senti troppo sicuro, forse preferisci rivolgerti a consulenti e/o professionisti che redigono i BP proprio come mestiere.

Ossia puoi andare nella sede di ogni Camera di Commercio, ove ci sono uffici dedicati alla creazione di imprese, che mettono a disposizione materiali e suggerimenti per la redazione del BP.

Inoltre esistono ora i Business Innovation Centre (BIC), enti nati sotto il patrocinio dell’Unione Europea, che aiutano le imprese di una certa zona, offrendo sia consulenza per aspiranti imprenditori sia la stesura del business plan, che il reperimento di finanziamenti.

Infine puoi affidarti alla rete e cercare studi professionali o aziende private che aiutano a redigere il Business Plan come ad esempio Business Plan Center.

Se l’articolo ti è piaciuto Condividilo!

Se vuoi approfondirlo, lascia un tuo commento in merito !

Arrivederci al prossimo articolo.

Elvis

 

Foto tratta da Google Immagini

Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: