Home / PSR Rurale / Bandi / Bando Isi-Agricoltura 2016

Bando Isi-Agricoltura 2016

Posted on

Bando Isi-Agricoltura o Inail

Il finanziamento del bando Isi-Agricoltura 2016 è destinato ad incentivare gli investimenti per l’acquisto o il noleggio di macchine e trattori caratterizzati da soluzioni innovative.

Promuove quindi l’acquisto o noleggio di nuovi trattori e/o macchine per l’abbattimento delle emissioni inquinanti, la riduzione del rischio rumore e il miglioramento del rendimento e della sostenibilità globali delle aziende.

 

trattore

Sono 45 i milioni di euro a fondo perduto, messi a disposizione da Inail e dal Ministero del Lavoro in collaborazione con il MiPAAF, con il bando Isi-Agricoltura 2016, per le micro e piccole aziende del settore agricolo.

I contributi servono per incentivare l’acquisto di nuovi macchinari ed attrezzature e sostenere il miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza.

L’importo va distribuito in budget regionali e provinciali e ripartito in due assi di intervento:

  • 5 milioni di euro, riservato ai giovani agricoltori (persona fisica di età non superiore a 40 anni alla data della presentazione della domanda di aiuto, con adeguate qualifiche e competenze professionali e che si insedia per la prima volta in un’azienda agricola in qualità di capo dell’azienda come definito dall’articolo 2 (34) del Regolamento UE n° 702/2014) organizzati anche in forma societaria;
  • 40 milioni di euro, destinato alla generalità delle imprese agricole.

Lo stanziamento per il 2017 sarà di 35 milioni di euro!

La cosa molto importante relativa a questo bando di finanziamento è che tale contributo può essere cumulato con:

  • altri aiuti di Stato riguardanti diversi costi ammissibili individuabili;
  • gli stessi costi ammissibili, in tutto o in parte coincidenti, unicamente se tale cumulo non comporta il superamento dell’intensità di aiuto pari al:
  • 50% dell’importo di costi ammissibili, per i soggetti beneficiari dell’Asse 1;
  • 40% dell’importo di costi ammissibili, per i soggetti beneficiari dell’Asse 2.

Inoltre, questi aiuti non sono cumulabili con gli aiuti de minimis relativamente agli stessi costi ammissibili, se tale cumulo porta a un’intensità di aiuto superiore alle percentuali predette.

In base alla legge di stabilità 208/2015, possono accedere agli incentivi solo le aziende agricole che rientrano nelle seguenti categorie: imprese individuali, le società agricole e le società cooperative operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli e in possesso dei requisiti specificati nel bando.

Ogni impresa potrà presentare una sola domanda e per uno solo dei due assi di finanziamento previsti.

Saranno finanziati gli investimenti per l’acquisto o il noleggio con patto di acquisto di trattori agricoli o forestali o di macchine agricole o forestali caratterizzati da soluzioni innovative per:

  • l’abbattimento delle emissioni inquinanti
  • la riduzione del rischio rumore
  • il miglioramento del rendimento e della sostenibilità globali delle aziende nel rispetto del regolamento 702/2014 della Commissione europea.

shadow-ornament

Il bando Isi-Agricoltura – afferma il presidente dell’Inail, Massimo De Feliceè strumento finalizzato, che aumenta l’efficacia delle strategie di prevenzione dell’Inail. Incentiva interventi in un settore statisticamente caratterizzato da elevato rischio di infortunio e contribuisce a migliorare lo stato dei mezzi di lavoro che non garantiscono sicurezze ed efficienza. Anche in questo settore, quindi, le politiche di prevenzione dell’Inail possono produrre sviluppo e crescita”.
Destinare, per la prima volta, risorse specifiche al miglioramento delle condizioni di sicurezza e di salute in agricoltura è un segnale importante di attenzione a un settore dove rafforziamo ancora la sicurezza sul lavoro – sottolinea il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Giuliano Poletti e testimonia l’impegno costante per la prevenzione dei rischi che sta giustamente assumendo un ruolo crescente nell’attività di Inail”.
Per il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, Maurizio Martina, “sostenibilità, innovazione e sicurezza sono i tre principi cardine di questo intervento. Attraverso le risorse dedicate contribuiamo ad ammodernare il parco macchine in attività nei nostri campi, mirando soprattutto a prevenire i rischi sul lavoro. Attenzione particolare va ai giovani che, anche in questo bando, hanno una corsia preferenziale per il sostegno ai loro investimenti. L’agricoltura si conferma centrale per l’attività di governo come dimostra il coinvolgimento attivo dell’Inail e del ministero del Lavoro in questo progetto”.


Se sei interessato a questo bando e se mi hai letto fino a questo punto ... allora ne vuoi saperne di più!

Continua a leggere

Previste tre tipologie di progetti

I progetti finanziati dal bando possono prevedere l’acquisto o il noleggio con patto di acquisto di due beni al massimo, da associare secondo lo schema sotto riportato:

  • Caso 1: un trattore agricolo o forestale e/o una macchina agricola o forestale dotata o meno di motore proprio;
  • Caso 2: una macchina agricola o forestale dotata di motore proprio più una macchina agricola o forestale non dotata di motore proprio;
  • Caso 3: due macchine agricole o forestali non dotate di motore proprio.

Presentazione e Scadenza domande

1) procedura di inserimento della domanda.

La domanda va inserita in modo digitale nel portale dell’Inail nella sezione “accedi ai servizi onlinedal 10 novembre 2016 fino e non oltre le ore 18.00 del 20 gennaio 2017 e si avrà a disposizione un’applicazione per la registrazione l’impresa, la compilazione della domanda, la verifica del raggiungimento della soglia di ammissibilità (100 punti) e la registrazione finale della domanda attraverso il tasto [INVIA].

La procedura di assegnazione degli incentivi è del tipo valutativa “a sportello” cioè terrà conto dell’ordine cronologico di presentazione delle domande che andranno inserite sul portale dell’Inail con tutti i dati dell’azienda e del progetto per cui si richiede il finanziamento.

Non solo, dopo essere state protocollate, le domande saranno valutate in base a parametri precisi per il raggiungimento della soglia di ammissibilità.

La pubblicazione degli elenchi in ordine cronologico indicherà quali imprese hanno accesso al contributo e potranno procedere con il punto successivo.

2) inserimento del codice identificativo

Dal 1° febbraio 2017 le imprese che avranno raggiunto o superato la soglia minima di ammissibilità e salvato la propria domanda, potranno scaricare (download) dall’interno del portale il codice identificativo univoco della propria domanda .

3) invio del codice identificativo (click-day)

Le imprese potranno inviare attraverso lo sportello informatico la domanda di ammissione al contributo, utilizzando il codice identificativo attribuito alla propria domanda, ottenuto mediante la procedura di download.

La data e gli orari di apertura e chiusura dello sportello informatico per l’invio delle domande saranno pubblicati sul sito Inail a partire dal 30 marzo 2017.

Quindi l’invio vero e proprio della domanda di ammissione al contributo invece sarà possibile solo nel cosiddetto click-day. Un giorno in cui in poco meno di 30 secondi si decide l'esito del finanziamento! I primi lo ottengono a scapito di chi arriva tardi!

Contributo : fino a 60mila euro in conto capitale.

Dopo la verifica dell’Inail si hanno 180 giorni nel caso di acquisto diretto dei mezzi agricoli o forestali o 365 nel caso di noleggio con patto di acquisto per la realizzazione del progetto.

Il contributo in conto capitale coprirà il 50% delle spese ammissibili sostenute e documentate dalle imprese agricole dei giovani agricoltori e il 40% dei costi sostenuti da tutte le altre aziende.

I progetti da finanziare devono comportare una spesa tale da generare un contributo compreso tra un minimo di € 1000,00 e un massimo di € 60.000,00.

I fondi saranno erogati a consuntivo del progetto, cioè dopo la sua conclusione, anche se solo per i progetti che prevedono l’acquisto dei mezzi e con contributi superiori a 30mila euro è possibile, dietro presentazione di adeguata fidejussione, richiedere un anticipo pari a metà dell’importo.

Per la regione Emilia Romagna, sono stati stanziati circa 3,7 milioni di euro.

L'elenco completo per ogni regione lo trovate nell'elenco Avvisi Pubblici Regionali

Ricorda che devi iniziare già da adesso a costruire il tuo progetto!

Ti serve un aiuto per capire se hai i requisiti  per partecipare al bando con la tua azienda?

Non sai come presentare la domanda ? o non sai come gestire il progetto e la rendicontazione finale?

contattami adesso

Se l’articolo ti è piaciuto, ne sono contento e ... ti chiedo gentilmente un favore!
Condividilo con i tuoi amici!  Grazie comunque…

Se vuoi approfondire l’argomento o comunicarmi qualcosa in merito, lascia un tuo commento qui sotto !

Arrivederci al prossimo articolo.

Elvis

Foto tratte da Google Immagini

Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: